Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Cyber security, Engineering e Lutech alla stretta finale su Hwg. E Sababa Security si quota

È alle battute finali la vendita di Hwg, operatore specializzato nel settore della cyber security.
Il campo dei possibili pretendenti si sarebbe infatti ridotto in vista delle offerte vincolanti, che sarebbero previste secondo le indiscrezioni prima di Natale. Sul tavolo c’è la cessione del 100% dell’azienda: potranno, eventualmente, reinvestire in una seconda fase gli attuali soci, manager e fondatori.

Dopo la presentazione delle offerte non vincolanti nelle scorse settimane, sarebbero restati in lizza due gruppi strategici: Lutech ed Engineering, entrambe aziende tecnologiche possedute da private equity (da una parte Apax e dall’altra Nb Renaissance e Bain Capital) e pronte a crescere per ulteriore consolidamento in un settore come quello della cybersecurity dove ci sono molte start-up.
Non sarebbero invece più in campo per Hwg, altri gruppi che si erano fatti avanti nella fase iniziale del processo: il fondo del Bahrein Investcorp, Wiit, Tinexta e Telsy, quest’ultima azienda del gruppo Tim specializzata proprio nella cybersecurity. In vendita c’è il controllo di Hwg, società che basa la propria valutazione sulle interessanti prospettive di crescita nei prossimi anni. La valutazione dell’azienda sarebbe infatti attorno a 50 milioni di euro, con un fatturato previsto nel 2021 di circa 12 milioni di euro.

Gli advisor finanziari e legali (Fineurop Soditic e gli avvocati di Bonelli Erede) dell’operazione sono al lavoro per organizzare le fasi conclusive del processo competitivo.

Fondata nel 2008 a Verona come managed security service provider, Hwg si è specializzata ben presto nella cyber security, inaugurando il suo primo security operations center nel 2011. Nel frattempo, è cresciuto il business all’estero di Hwg, per puntare anche al mercato internazionale del settore, con i security operation center aperti a Singapore e a Dubai.

Tra gli azionisti e fondatori di Hwg c’è l’imprenditore Enrico Orlandi, che è al tempo stesso anche azionista di minoranza di una società attiva nello stesso settore di Hwg, cioè Sababa Security.
Proprio quest’ultima azienda sta guardando alla quotazione su Euronext Growth, cioè il segmento di Piazza Affari dedicato alle piccole e medie aziende ad alto potenziale di crescita. Costituita nell’ottobre del 2019, quindi solo due anni fa, Sababa Security è una start-up: ha sede a Milano con un valore della produzione atteso per il 2021 di 4,5 milioni di euro.