Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
2020-10-30t183400z_885082440_rc26tj9s784c_rtrmadp_5_nets-m-a-nexi-u2057690352ah-1020x533ilsole24ore-web

Nexi-Nets, accordo al fotofinish. Cruciale l’analisi sulle parti correlate

È attesa tra domani e giovedì la scadenza dell’esclusiva, volta a definire un possibile accordo tra il gruppo Nexi e la danese Nets per una aggregazione.

Al lavoro sono gli advisor delle parti (Hsbc, Centerview e Mediobanca per Nexi e i fondi e Jp Morgan e Credit Suisse per Nets). Domani è previsto un Cda di Nexi, formalmente sui conti del trimestre, ma non è da escludere che ci possa anche essere un’accelerazione proprio nelle prossime ore per la possibile intesa con Nets. L’obiettivo è infatti quello di creare il polo internazionale fintech maggiore in Europa e superiore al colosso francese Worldline.

Cruciale sarà anche l’analisi sulle parti correlate. L’advisor Lazard è infatti al lavoro per il comitato parti correlate e a breve si attende un verdetto. Nexi ha infatti come soci di riferimento Bain Capital e Advent. Nets, non quotata, ha come azionisti invece Hellman & Friedman, Advent e Bain Capital. IL consiglio di Nexi vuole essere certo che il prezzo sia congruo e corretto per tutti i soci di Nexi e non soltanto per i fondi di private equity che avrebbero un chiaro conflitto d’interessi.

La fusione fra Nexi eNets avrebbe infatti un valore di 10 miliardi, mentre quella con Sia potrebbe fare salire il valore dell’entità combinata a oltre 20 miliardi. In questa nuova realtà, alla fine dunque di un doppio processo di aggregazioni, il primo azionista, a livello singolo, sarebbe Cdp, la Cassa Depositi e Prestiti, mentre a un livello simile, leggermente inferiore, ci sarebbero i fondi Hellman & Friedman (azionista di Nets) e Bain Capital e Advent, questi ultimi due soci sia di Nexi sia di Nets. I tre fondi insieme avrebbero però circa il 40%. Poi con pacchetti azionari più piccoli ci sarebbero altri gruppi come Clessidra, Intesa Sanpaolo, Poste Italiane e BancoBpm.