Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

I fondi sovrani Cic e Temasek aprono il dossier del gruppo Nice

I fondi sovrani, da Cic a Temasek, puntano sul gruppo veneto Nice, ex quotata di Piazza Affari, multinazionale di Oderzo (in provincia di Treviso) e operante nel settore della domotica, dove è tra i leader internazionali. Nice, nata soltanto nel 1993, oggi esporta sistemi per l’automazione in più di 100 Paesi. Secondo indiscrezioni infatti gli azionisti di Nice, presieduta dal fondatore Lauro Buoro, avrebbero intenzione di valutare un socio di minoranza, operazione grazie alla quale puntano a ottenere capitali per lo sviluppo. Gli approcci, anche se iniziali, vanno nella direzione dei grandi fondi sovrani e dei fondi pensione internazionali, cioè investitori pazienti, attenti ai dividendi e dall’altra parte poco inclini a ingerire con la governance aziendale.

Nice ha avviato il delisting da Piazza Affari alla fine del 2018. La società, da inizio anni 90, quando ha cominciato realizzando trasmettitori elettronici per l’automazione dei cancelli e delle porte dei garage, ad oggi, ha messo a segno una importante crescita sia organica sia per acquisizioni.
Sono infatti ben 13 le acquisizioni dal 2006: tra le ultime quella di Micanan, eccellenza canadese nell’automazione delle porte da garage. Oggi la società ha 14 impianti nei 5 Continenti. Il fatturato nel 2019 ha raggiunto i 431 milioni di euro, con 24 milioni di utile netto e con una forte generazione di cassa: circa 60 milioni di Ebitda con una previsione dello stesso indicatore a fine 2020 compreso tra 70 e 80 milioni di euro. La società in questi anni si è anche focalizzata in maniera accentuata sulla ricerca e sviluppo (con 13 centri di ricerca nel mondo) con una percentuale di investimenti sulle vendite sempre elevata e attorno al 3 per cento. Il 90% circa del fatturato è inoltre generato al di fuori dell’Italia.

I proventi dell’eventuale ingresso di un socio in minoranza potrebbero servire a avviare ulteriori acquisizioni. Inoltre la società, lo scorso anno, non ha escluso un ritorno futuro a Piazza Affari.