Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
torri-trasmissione-mediaset

Il colosso Usa Phoenix Tower International fa offerta per le torri Tlc di Ei Towers

Spuntano i grandi gruppi americani delle infrastrutture telefoniche tra i pretendenti di Towertel, la controllata di Ei Towers (a propria volta detenuta al 60% da F2i e al 40% da Mediaset) che detiene i tralicci su cui sono ospitate le infrastrutture per trasmettere il segnale telefonico.

Secondo indiscrezioni, anticipate dal Sole 24 Ore nell’edizione di sabato, in campo sarebbe infatti sceso il gruppo Usa Phoenix Tower International, uno dei grandi player internazionali del settore con circa 9mila torri, 986 chilometri di fibra e oltre 80.000 infrastrutture e siti wireless in diversi Paesi del mondo, tra cui Stati Uniti, Argentina, Bolivia, Colombia, Costa Rica, Repubblica Domenicana, Messico, Ecuador, Perù e, in Europa, Francia e Irlanda. Il gruppo americano avrebbe fatto un’offerta da 550 milioni di euro,

Phoenix Tower International è ormai tra i maggiori player nelle due Americhe, ma sta cercando di espandersi in Europa. Qualche settimana fa, in maggio, ha firmato un importante accordo a Dublino con l’operatore telefonico irlandese Eir per acquistare 650 torri di trasmissione wireless e diventare il principale fornitore in questo mercato. Inoltre pochi mesi prima, in marzo, la stessa Phoenix ha annunciato un accordo in Francia conBouygues Telecom per lo sviluppo di circa 4.000 torri wireless nei prossimi anni.

Phoenix Tower International, che ha inoltre tra i suoi investitori di supporto Blackstone Tactical Opportunities, il maggior operatore del private equity nel mondo, starebbe dunque guardando con interesse pure il dossier italiano, anche se non sarebbe l’unico soggetto in corsa: la cessione di Towertel ha infatti attirato le attenzioni di gruppi come Cellnex, ma anche di numerosi fondi infrastrutturali.

Nel frattempo F2i, azionista di Ei Towers, ha scelto Nomura per valutare il riassetto della partecipata EiTowers attraverso la vendita delle torri per la telefonia e il focus sulle infrastrutture per la televisione e la radio. I colloqui su TowerTel hanno appunto già coinvolto Cellnex Telecom (affiancata dall’advisor Deutsche Bnk), il gruppo delle torri partecipato dalla famiglia Benetton attraverso Sintonia ed Edizione.
Towertel, in base ai bilanci 2018 di Ei Towers, ha realizzato in quell’esercizio ricavi per 42 milioni di euro con un risultato operativo di 15 milioni. La partecipazione in TowerTel, pari al 100% del capitale, è indicata nel bilancio consolidato di Ei Towers a 94 milioni a fine 2018.

EI Towers possiede le torri di trasmissione tv di Mediaset ed è stata delistata da Piazza Affari nel 2018 a valle di un’opa lanciata da F2i insieme alla stessa azienda di Cologno Monzese. Lo scorso anno F2i ed EI Towers hanno acquisito Persidera, leader italiano nelle reti di trasmissione del segnale televisivo digitale terrestre, ceduto da Tim e Gedi per 240 milioni di euro.