Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
o-374592

In affanno Cigierre, Ovs, Qc Terme, La Piadineria e le altre catene dei fondi: serve intervento statale

Le grandi aziende del retail avviano discussioni con il mondo bancario per arginare una futura rottura dei covenant finanziari. Oltre a questo si unisce un forte problema di liquidità nel breve periodo. Tra i settori più colpiti dall’emergenza sanitaria c’è quello delle grandi catene retail, dai ristoranti ai network di cosmetica fino alle grandi catene di giocattoli e di abbigliamento.

La chiusura forzata avrà ripercussioni non soltanto sul fatturato di queste aziende, che hanno migliaia di dipendenti, ma soprattutto sulla loro redditività futura. Molte di queste società sono possedute da private equity e investitori finanziari. Si va da Cigierre, che possiede le catene di ristoranti Old Wild West, fino a La Piadineria, ad Alice Pizza, a Kiko Cosmetici per arrivare a gruppi come Qc Terme o al leader dell’abbigliamento Ovs. Cigierre è attualmente posseduta dal private equity internazionale Bc Partners: la società è uno dei giganti del settore ed era, fino allo scoppio dell’emergenza sanitaria, un’azienda assai redditizia: con ricavi nel 2018 per 306,6 milioni e un ebitda di 45,57 milioni, a fronte di un indebitamento bancario a 256 milioni circa. Lo stesso discorso vale per La Piadineria, che ha una leva di circa 1,5 volte e che punta sulla liquidità in pancia per resistere all’attuale momento. Alice Pizza fa invece capo al fondo Taste of Italy del gruppo De Agostini, mentre nel gruppo Kiko della famiglia bergamasca Percassi è presente in minoranza il private equity Peninsula. In Ovs è azionista la Tip del banchiere Gianni Tamburi, mentre Qc Terme fa capo al private equity internazionale White Bridge Investments. Tra le prime misure avviate da queste aziende c’è stata la cassa integrazione del personale ed è stata avviata con i proprietari degli immobili la sospensione degli affitti.

Al momento i covenant reggono ancora ma è plausibile pensare che con una forte discesa dei parametri economici nei prossimi mesi, questi rapporti dovranno essere ridiscussi con il mondo bancario. Per alcuni di questi gruppi le trattative sono già state avviate, in quanto devono affrontare anche una forte e improvvisa crisi di liquidità. Insomma si tratta di un settore duramente colpito ma per il quale sarà necessario un intervento governativo nei prossimi decreti.

  • Angelo Festa |

    Per la sospensione degli affitti, si è fatto riferimento a un D.L. o soltanto al buon senso dei proprietari?

  Post Precedente
Post Successivo