Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
esselunga

Esselunga, asse tra i Caprotti e le grandi banche italiane: Unicredit entra come socio negli immobili

Asse tra la famiglia Caprotti e le grandi banche italiane per il riassetto azionario di Esselunga. Ha un grande impatto, tanto più in una fase di emergenza sanitaria come l’attuale, il supporto finanziario dei grandi istituti italiani al gruppo Esselunga. L’operazione con la quale Marina Caprotti e la madre diventano azionisti uniche di Supermarkets Italiani verra’ infatti finanziata in parte (100 milioni) con mezzi propri, in parte (435 milioni) con la cessione a UniCredit del 32,5% di La Villata Spa società immobiliare che possiede gran parte degli immobili che ospitano i punti vendita Esselunga. In parte (1.312 milioni) ci sara’ infine un finanziamento in pool messo a disposizione da Intesa Sanpaolo, UniCredit e BNP Paribas.

In particolare, l’ingresso di Unicredit, che avrà doppio ruolo di finanziatore e socio immobiliare, supporta gli azionisti di riferimento in questa importante operazione, che consente di realizzare un assetto azionario stabile.

Venerdi’ scorso le azioniste di maggioranza, Giuliana Albera Caprotti, moglie del fondatore, e la figlia Marina Sylvia Caprotti, detentrici del 70% di Supermarkets Italiani, hanno comunicato alla controllata Esselunga che pagheranno con capitale per 535 milioni di euro e con debito bancario per 1.312 milioni il 30% del capitale sociale di Supermarkets Italiani, detenuto dagli altri figli Giuseppe e Violetta Caprotti.