Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
unknown-7

Milan-Arnault, ecco spiegata in una foto la spy-story rossonera sulla scalata francese

Arnault, si o no? Devo dire che questa vicenda sul presunto interesse di Arnault e della sua Lvmh per il Milan ha creato un nuovo giallo sulla travagliata storia milanista degli ultimi due anni. Non bastavano i thailandesi e i cinesi, e un’ultima gestione Elliott da dimenticare, ma pure le suggestioni e le illusioni che il Milan possa essere comprato da un super-ricco come Arnault.

Meglio chiarire. Se fosse vero, sarebbe una grande cosa per il Milan. Arnault è uno degli uomini più ricchi al mondo. In teoria ci starebbe pure come ragionamento: Milano è una delle capitali della moda e del lusso e il Milan potrebbe essere un biglietto da visita per unire sport e lusso in mercati come quello asiatico. Ma la vera domanda da farsi è un’altra: ci sono davvero trattative e Arnault si è mai sognato di interessarsi al Milan?

Ecco su questo tema direi che al momento la risposta è: assolutamente no. Al momento non ci sono trattative ed è difficile sapere se ci saranno in futuro. Magari Arnault verrà suggestionato da questa ondata di rumors e potrà pensare che tutto sommato non è una brutta idea comprarsi il Milan. Del resto i soldi non gli mancano.

Ma la domanda che mi sono posto in questi giorni è stata anche un’altra: come sono usciti tutti questi rumors sulle trattative di Arnault con Elliott per comprare il Milan, malgrado le tante smentite? Non lo ho capito fino a qualche giorno fa. Mi è arrivata una foto da una fonte. All’inizio non riuscivo a capire. La ho guardata: sembrava la foto della 5 C cinquant’anni dopo, una di quelle foto che ci si fa fra ex-compagni di scuola che si rivedono dopo decenni. Un po’ come un film di Carlo Verdone.

Poi ho guardato meglio. In mezzo si riconosceva chiaramente l’ex-presidente della Figc Carlo Tavecchio, poco alla sua destra il noto avvocato Mattia Grassani, esperto di diritto sportivo e salito agli onori della cronaca per le cause di diversi giocatori e presidenti, mentre tutto sulla sinistra nella foto pare scorgersi Ariedo Braida, grande ex dirigente milanista. Al loro fianco, per un totale di 10 persone compreso il fotografo, ci sono collaboratori e sembrerebbe vari intermediari d’affari e professionisti.

Mi sono chiesto: cosa ci facevano tutti assieme e dove erano? La risposta mi è stata data qualche ora dopo da una fonte. Sarebbe stata la riunione all’interno della quale sarebbe stato pianificato il dossier della cessione del Milan, da Elliott ad Arnault. Solo che nella foto non ci sono rappresentanti né del fondo americano né del gruppo francese, che fa capo ad Arnault.

Non pago mi sono messo a cercare conferme. So che il ruolo di Braida come intermediario era già emerso, ma che lui aveva smentito. Lo stesso nome di Tavecchio era uscito più volte. “Pronto dottor Tavecchio, sono Carlo Festa del Sole 24 Ore. Lei è a conoscenza di questa foto? Cosa ci facevate tutti assieme?” “Guardi, non me la ricordo. Non mi ricordo di aver fatto foto vicino all’avvocato Grassani e a Braida”. Allora riprovo: “Gliela mando e ci risentiamo”. Qualche minuto dopo: “La ha ricevuta?”. “Si, certo, scusi mi ero dimenticato. E’ della primavera scorsa, tanti mesi fa. Quando abbiamo iniziato a parlare di quella cosa”.”Quale cosa?” dico io. “Ehm…guardi mi hanno chiamato tanti giornali, ma non parlo. Saluti”. Tic.

Ma non mi fermo. Scrivo all’avvocato Grassani e gli chiedo conto della foto. Lui gentilmente mi risponde dopo alcuni minuti: “Si, ho visto la foto. Ma non posso dire niente, per il momento non posso esserle utile”.

In sintesi: arrivo a una teoria. C’è stato un incontro nella primavera scorsa, dove avrebbero parlato della vendita del Milan ad Arnault, ma sembra senza rappresentanti di Arnault e del fondo Elliott. Solo qualche professionista e intermediario oltre ai suddetti nomi. Mi sembra assurdo, difficile da credere. E’ come se degli sconosciuti si trovassero a discutere della vendita della mia casa e io non ne sapessi nulla. Mi sembra impossibile: più facile pensare che siano gli ex-alunni della 5 C cinquant’anni dopo…

In definitiva: la trattativa Arnault-Milan sarebbe al momento stata congegnata senza la diretta presenza degli interessati. Magari questi ultimi si accorgeranno fra qualche mese che è una bellissima idea e fra poco diranno: “Bel progetto, lo facciamo”. Ma al momento nulla c’è.

Spero di non essermi dilungato troppo. Termino con una riflessione su Han Li e Yonghong Li, ex proprietari del Milan prima di Elliott. Ne parlo con conoscenza del caso, visto che sono stato pedinato per oltre una settimana da un’agenzia investigativa pagata dai cinesi, assieme ad altri colleghi di Repubblica e Libero. Eravamo ai tempi quelli che davano più fastidio e che facevano domande. Io, che al supermercato ci vado davvero poco, sono stato fotografato dall’investigatore mentre ero al bancone della frutta con il carrello a tastare se le albicocche erano mature. Credo quindi siano stati soldi spesi bene quelli dei cinesi per fare foto così altamente confidenziali….(ps hanno pagato decine di migliaia di euro all’agenzia)

Ebbene, come spiegare questa voglia di Han Li e Yonghong Li di tornare improvvisamente a parlare? Partiamo da un presupposto: è difficile credere che gli oltre 300 milioni di euro “fumati” sul Milan fossero di proprietà del cinese. Yonghong Li aveva tante opzioni per non perdere tutto, ma si è finanziariamente suicidato. Ha evitato volutamente di vendere il club ed è finito in bocca ad Elliott. In un Paese normale tanti si sarebbero fatti più domande, anche a livello politico, ma siamo in Italia e l’unica che si muove è la Procura di Milano, che anche questa volta ha aperto un’inchiesta, anche se è difficilissimo districarsi nelle rogatorie.

Ma perché sono tornati a parlare proprio mentre ci sono voci sulla cessione da parte di Elliott del Milan? Lascio ai lettori la risposta, non è difficile ipotizzarla….

  • Stefano |

    Come mai sono tornato a parlare proprio adesso? Qualcuno mi può aiutare?

  • Pivatelli |

    Dunque i tre che hanno costruito l’ipotesi della cessione ad Arnault sarebbero degli anziani disoccupati in cerca di nuove avventure(due almeno di sicuro) e di nuove ribalte ? Soggetti che si inventano un ruolo in un affare partendo dall’esterno ?!

  • Emanuele |

    Buongiorno

    ho letto con attenzione il suo articolo, molto bello e intelligente, a fine lettura penso e ripenso e mi rimane un dubbio che magari lei con la sua esperienza e conoscenza riuscira a togliermi dalla testa.
    cosa ci guadagnano questi 10 importanti esponenti del mondo del calcio a trovarsi e a ipotizzare una cosa del genere?
    Saluti

  Post Precedente
Post Successivo