Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
unknown-6

As Roma pronta a passare a Friedkin per 750 milioni: potrebbe essere il “top deal” della Serie A

La As Roma è pronta a passare di mano. Sembra vicina la vendita da James Pallotta a Daniel Friedkin, ufficializzata dai comunicati. Un preliminare è stato firmato tra le parti per proseguire le trattative e ora in qualche settimana si dovrebbe arrivare alla conclusione del passaggio societario, se la due diligence sulla As Roma e sulle sue controllate andrà a buon fine.

Alla fine il prezzo è stato quello indicato e voluto da Friedkin: 750 milioni di valore d’impresa per la As Roma (compresi i debiti) che corrisponde a un multiplo di circa 3 volte i ricavi commerciali della squadra (250 milioni). Si tratta pur sempre di una cifra enorme per una società che perde cassa ed è indebitata, ma questi sono ormai i multipli che girano nel mondo del calcio. Se poi le valutazioni del calcio siano “drogate”, lo vedremo tra qualche tempo.

Per quanto riguarda le trattative non sono state per niente facili: per qualche giorno, come anticipato dal Sole 24 Ore, sono state vicino alla rottura per le richieste folli di Pallotta che pretendeva valutazioni più vicine al miliardo per l’esistenza di un progetto stadio, che tuttavia è ancora lontano dall’essere costruito. Friedkin si è dimostrato un negoziatore duro e ruvido e alla fine ha messo sul piatto la valutazione che voleva: appunto 750 milioni. Sempre tanti soldi, appunto, ma pur sempre quanto era disposto a mettere sul piatto.

Ora bisognerà attendere la struttura dell’operazione: se verrà fatta a livello di società operativa o ai piani alti. Ma parlando di valutazioni bisogna dire che la cessione della As Roma potrebbe diventare il deal maggiore, in termini di valutazione, tra le operazioni finora concretizzatesi nel mondo della Serie A. Resta da capire come verranno computate voci come debiti (circa 250 milioni) e aumento di capitale (da 150 milioni) necessario a ricapitalizzare il club giallorosso.

In ogni caso ecco le valutazioni sui deal finora conclusi in serie A. Il Milan è infatti stato venduto da Silvio Berlusconi a Mr Li per 740 milioni. Poi la squadra rossonera è finita ad Elliott dopo che lo sconosciuto e misterioso cinese è finito in default. Il colosso asiatico dell’elettronica Suning ha invece messo sul piatto per il 70% dell’Inter circa 270 milioni. Infine Rocco Commisso ha rilevato la Fiorentina quest’anno per 130 milioni.