Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Accolade Wines, il colosso australiano che punta su Farnese Vini

La rotta del maggiore gruppo australiano del vino, uno dei leader mondiali, è puntata sull’Italia e in particolare su Farnese Vini.
A muoversi è Accolade Wines, colosso del Sud dell’Australia con filiali e controllate in Nord America, Regno Unito, Irlanda, Sudafrica, Nuova Zelanda e Asia, in particolare in Cina, uno dei mercati maggiori per la distribuzione del vino. Il dossier di Farnese Vini sarebbe da qualche settimana sul tavolo del gruppo australiano, che è controllato da uno dei più noti private equity americani, cioè Carlyle.
Su Farnese Vini è in corso un processo competitivo. Nb Renaissance sarebbe pronta a valutare la cessione della sua quota. Un mandato esplorativo sarebbe stato affidato negli scorsi mesi alla banca d’affari Lazard. Ma l’asta è ancora in una fase intermedia. Per Farnese potrebbero entrare in campo, oltre a Accolade Wines, anche i fondi di private equity.
Nel passato per l’azienda, con sede a Ortona, ci sono stati già due passaggi tra private equity. Nb Renaissance Partners è infatti diventato azionista di Farnese Vini nel 2016, rilevando la maggioranza dalla 21 Investimenti di Alessandro Benetton. Fondata nel 1994 da Valentino Sciotti (presidente e amministratore delegato) e Filippo Baccalaro, Farnese Vini (che ha un fatturato di oltre 75 milioni di euro) è cresciuta a doppia cifra dopo l’ingresso dei private equity, con vendite in oltre 80 Paesi nel mondo. A Farnese fanno capo numerosi marchi: Caldora, Vesevo, Tenute Rossetti, Vigneti del Vulture, Del Salento e Zabu. Tra le ipotesi circolate in passato c’era anche la possibile quotazione a Piazza Affari.
Un compratore strategico potrebbe essere un’altra opzione per Farnese Vini. Accolade Wines è un gigante del settore, finito nel portafoglio del fondo Carlyle lo scorso anno. Per la bella somma di un miliardo di dollari australiani, pari a oltre 600 milioni di euro, la statunitense Carlyle è diventata proprietaria di Accolade Wines.