Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
maxresdefault

Alperia vicina ad acquistare Enegan

L’azienda di Bolzano Alperia vicina a rilevare l’utility Enegan, azienda toscana trader di gas e luce che opera nel mercato libero dell’energia. Secondo indiscrezioni, sarebbe infatti stato trovato un accordo e scelto il gruppo Alperia come acquirente. A far propendere per questo esito è stata la complementarietà delle due aziende, entrambe molto esposte sulle offerte “green”.
Nata nel 2010, Enegan fa capo a quattro famiglie di soci-fondatori: Acciai, Bismuto, Guarducci e Pucci: in 9 anni ha raggiunto circa 300 milioni di euro di giro d’affari. Nei mesi scorsi gli azionisti di Enegan hanno assegnato un incarico ai consulenti finanziari di Dome Capital Advisors e agli avvocati di Cleary Gottlieb, per valutare la vendita. Le offerte sono arrivate sia da gruppi italiani sia da gruppi stranieri che vedevano in Enegan una piattaforma per l’Italia. Alla fine del processo competitivo erano rimasti in corsa quattro contendenti: il gruppo napoletano Optima Italia, l’azienda di Bolzano Alperia e due multinazionali estere, ovvero la portoghese Edp e la tedesca Eon. Alla fine, secondo i rumors, avrebbe prevalso Alperia, assistita da Mediobanca e dai legali di Gianni Origoni Grippo Cappelli. In questo modo e’ stata fatta anche una scelta tricolore. Enegan porta in dote la base di circa 300mila clienti e la rete commerciale. Il valore della transazione, che circola in ambienti finanziari, sarebbe superiore ai 100 milioni di euro. Alperia ha archiviato nel 2018 ricavi complessivi a 1,272 miliardi di euro, con un ebitda di gruppo pari a 199,3 milioni di euro e un utile netto consolidato di 43,7 milioni di euro. Alperia nasce dalla fusione delle più importanti società dell’energia dell’Alto Adige: Sel e Aew. E’ del 2015 l’accordo finale tra gli azionisti, che porta alla nascita di Alperia: la Provincia Autonoma di Bolzano, la finanziaria pubblica Selfin e i Comuni di Bolzano e Merano.