Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
images

Enel mette nel radar il dossier della cilena Chilquinta Energia

Enel visiona il dossier della società cilena Chilquinta Energia e intanto incrementa la propria partecipazione al capitale della controllata cilena Enel Americas al 56,42% dal precedente 51,8%, a seguito del regolamento di due operazioni di share swap stipulate con un istituto finanziario nell’ottobre 2018 per acquisire fino a un massimo del 5% del capitale di Enel Americas.
Sul primo fronte Chilquinta Energia è stata messa in vendita dal gruppo statunitense Sempra Energy. Nelle prossime settimane gli advisor BofA, Lazard e White & Case contatteranno i potenziali acquirenti: in gara, oltre ad Enel, potrebbero esserci i cinesi di China Southern Power Grid. Il valore della transazione, in base alle richieste di Sempra Energy, potrebbe essere attorno a 1,5 miliardi di dollari. Per quanto riguarda Enel sembra che il dossier sia comunque in una fase embrionale e non è detto che l’interesse iniziale si concretizzi.
Sul fronte Enel Americas, invece Enel ha acquisito 1.707.765.225 azioni ordinarie di Enel Americas e 18.931.352 American depositary shares (Ads) di Enel Americas: cioè il 4,62% del capitale.
Il corrispettivo pagato è pari a circa 412 milioni di euro. Enel ha reso nota anche la sua intenzione di votare a favore della proposta di aumento del capitale sociale di Enel Americas per un importo fino a 3,5 miliardi di dollari, sottoposta per approvazione all’assemblea straordinaria degli azionisti di Enel Americas convocata per il 30 aprile. Nel caso in cui la proposta risulti approvata, Enel intende sottoscrivere azioni ordinarie di Enel Americas corrispondenti alla sua attuale partecipazione nella società, pari al 56,42%, esercitando il proprio diritto di opzione. Le operazioni sono in linea con il piano strategico 2019-2021 del gruppo Enel presentato ai mercati, che resta focalizzato sulla riduzione della presenza delle partecipazioni di minoranza nelle società del gruppo che operano in Sud America.