Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Carlyle vicino ad acquistare Forgital

Dopo lunghe trattative il fondo americano Carlyle si starebbe avvicinando a trovare un accordo per l’acquisto di Forgital, società vicentina attiva nella produzione di componenti forgiati per settori come aerospace, oil&gas e, infine, energia.
Dopo la scadenza dell’esclusiva, lo scorso dicembre, il gruppo finanziario statunitense ha proseguito a trattare con la famiglia azionista, i tre rami della famiglia Spezzapria, che gestiscono l’azienda e ne sono i maggiori soci. Nel frattempo, altri soggetti finanziari hanno mostrato interesse per il gruppo veneto: tra questi ci sarebbe stato, secondo le indiscrezioni, il fondo internazionale Alpha, che avrebbe negoziato anche una partnership per il deal con la divisione del gruppo americano Blackstone attiva nel settore delle minoranze, cioè il fondo Blackstone tactical opportunities.
Ma l’approccio di Alpha-Blackstone non è proseguito, tanto che Carlyle sarebbe ora vicino a raggiungere l’accordo. Sul tavolo c’è la maggioranza della società (con una valutazione superiore al miliardo), partecipata anche (con il 17% delle azioni) da Nb Aurora.

  • Paola Bruschi |

    Nel 2013 FII ha acquistato il 30% per una valorizzazione del 100% di Enterprise Value di €175mn circa. La società grazie ai fondi di FII ha avviato un processo di ristrutturazione e rifocalizzazione del business. Nel 2013 aveva un fatturato consolidato di €235mn (-5% vs l’anno precedente), un EBITDA di €30mn circa (13% di margine) e perdite di esercizio per €10mn. Al 2017 la società ha realizzato ricavi consolidati per €394mn (CAGR 13-17 +14%), EBITDA per €75mn (18% di margine) e utili di esercizio per €35mn. Assumendo che l’espansione della società continui, mantenendo i medesimi livelli di marginalità. Una valorizzazione (enterprise value) a €1bn plus sembra assolutamente coerente. Così come era coerente la valorizzazione del 2013 (5x EV/EBITDA) tenuto conto delle performance storiche della Società e dei rischi connessi all’aggressivo piano di sviluppo che poi è andato a buon fine. I dati che ho menzionati sono tratti dai bilanci consolidati del Gruppo

  • Pietro |

    Leggendo articoli online sono venuto a conoscenza che nel 2013 il Fondo di Ivestimento Italiano ha acquisito il 17% di ForgitalGroup per 30 milioni di Euro. Come è possibile che ora il 100% possa valere addirittura 1150 milioni di Euro? Cosa è successo in questi anni da far sopravvalutare Forgital del 650% in poco più di cinque anni?

  Post Precedente
Post Successivo