Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
parmigiano-reggiano-magazzino-stagionatura-invio

Capvest, Oxy Capital e QuattroR sul dossier Nuova Castelli: debito bancario garantito con le forme di parmigiano reggiano

I fondi di private equity aprono il dossier di Nuova Castelli, principale esportatore italiano di parmigiano reggiano. Secondo indiscrezioni l’azionista Charterhouse sta studiando l’ingresso di un partner finanziario nella compagine tramite un aumento di capitale da 40-50 milioni: in corsa ci sarebbero dunque Capvest, Oxy Capital, Italmobiliare (alla quale il dossier sarebbe stato presentato ma che non sarebbe interessata) e QuattroR. Azionista di Nuova Castelli è appunto il fondo britannico Charterhouse, che secondo Reorg ha affidato un incarico a Rothschild per valutare compratori. In campo ci sarebbe anche un gruppo industriale, che però potrebbe rilevare il 100% dell’azienda. Charterhouse nel 2014 ha messo sul piatto circa 350 milioni di euro per comprare Nuova Castelli: sulla base di un fatturato di circa 290 milioni, di un ebitda di 37 milioni e di un debito finanziario netto di 110 milioni.
Nel 2018 la societa ha avuto un giro d’affari di 460 milioni, con 27 milioni di ebitda e 190 milioni debito, di cui però 100 milioni garantiti alle banche con forme di parmigiano reggiano. I nuovi capitali serviranno a migliorare finanziariamente la situazione dell’azienda e forse a studiare un’acquisizione negli Usa. Charterhouse, per il regolamento del fondo, non può infatti più iniettare soldi in Nuova Castelli.