Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
zonin-gianni-sed

Benetton entra in vini Zonin. Il precedente del fondo Giada, jv tra 21 Investimenti e Popolare Vicenza

Tiene banco nel nord-est l’accordo con il quale il gruppo Zonin1821, azienda vitivinicola leader a livello italiano e internazionale. ha fatto entrare nel proprio capitale la 21 Invest, gruppo europeo di investimenti fondato da Alessandro Benetton, tramite un aumento di capitale riservato del valore di 65 milioni di euro finalizzato a dotare l’azienda di nuova liquidità per riequilibrare la struttura finanziaria del gruppo e supportare il progetto industriale di crescita.

Il riassetto della casa vinicola di Gambellara avviene in un momento cruciale per la famiglia Zonin. L’ex banchiere Gianni Zonin infatti ha lasciato la guida societaria e ha ceduto le quote azionarie ai figli dopo le sue vicissitudini da ex presidente della Banca Popolare di Vicenza, un passato che è sotto l’esame della Procura vicentina. Gianni Zonin è stato infatti rinviato a giudizio per il dissesto dell’istituto. Il processo ha avuto inizio qualche giorno fa a Vicenza di fronte alle accese proteste di centinaia di risparmiatori che hanno perso tutti i loro soldi sulle azioni dell’istituto.

Ora i riflettori sono sulle mosse della magistratura con la possibilità che nell’ambito dell’azione di responsabilità civilistica ci possa essere una richiesta di risarcimento che coinvolga i beni vinicoli. Tuttavia l’operazione con 21 Invest sarebbe stata effettuata dopo il parere favorevole di alcune «legal opinion», che avrebbero escluso la possibilità di cause.

C’è da ricordare che Benetton e Zonin si erano già incrociati nel lontano 2002 su un’operazione di private equity: era stato costituito il fondo Giada, nato da una joint ventire tra 21 Investimenti e la Popolare di Vicenza. A quel tempo era stato proprio Gianni Zonin a mettere il sigillo sull’accordo. Ora, a distanza di 16 anni, un altro accordo con la 21 Invest che entra nell’azienda vinicola ceduta da Gianni Zonin ai figli.