Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
mix_pubblicitavintage-fila-e-giotto

Il Tribunale di Milano dà ragione a Elliott-Blue Skye nella contesa su Pencil-Fila

L’ordinanza del Tribunale di Milano è del 13 settembre scorso e dà ragione ancora al gruppo finanziario Blue Skye nella contesa in corso tra i soci di Pencil, la cassaforte che controlla il 60,2% del capitale votante della quotata Fila Fabbrica Italiana Lapis ed Affini, storica azienda lombarda presente nel mondo con le sue matite colorate.
Il Tribunale di Milano ha infatti bocciato il reclamo di Massimo Candela, azionista di controllo di Fila e maggiore azionista di Pencil (con il 69%), che si era opposto alla prima decisione del Tribunale che aveva dato ragione a Blue Skye in relazione al provvedimento d’urgenza presentato per essere iscritto a libro soci della stessa Pencil.
La contesa legale ha avuto inizio il 26 aprile dopo che Simona Candela, sorelladi Massimo Candela, dopo anni di relazioni problematiche con il fratello, ha ceduto il suo 31% nella holding Pencil a Blue Skye per 50 milioni: cifra liquidata tramite una caparra iniziale di 10 milioni e successivi 40 milioni pagati in luglio grazie a un finanziamento del fondo statunitense Elliott. Al contrario Massimo Candela ha sempre contestato, fino al reclamo respinto, la correttezza dell’operazione, sostenendo il mancato rispetto della prelazione. Lo stesso Candela ha anche in corso un’altra causa con la sorella al Tribunale di Milano. In base allo statuto, la quota di Blue Skye in Pencil non dà diritto a una governance comune. E il fondo, assieme ad Elliott, sarebbe pronto a una contesa attivista su questo fronte.