Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
images

La battaglia per Abertis si accende: Acs porta dalla sua parte alcune banche del consorzio Atlantia

Colpi di scena, assestamenti, hedge fund che si posizionano e altri che escono. La battaglia per la conquista di Abertis tra Atlantia e Acs sta continuando senza esclusione di colpi. Il sito spagnolo El Confidential riporta oggi che alcune banche del consorzio che sostiene l’opas del gruppo italiano su Abertis, ovvero Bbva, Commerzbank, Société Générale, Hsbc e Natixis, avrebbero deciso di sostenere l’offerta della rivale Acs. Un cambiamento di strategia che sarebbe motivato dalle commissioni più elevate pagate da Acs. Al contrario l’italiana Atlantia è appoggiata da un consorzio formato da da Mediobanca e Credit Suisse affiancati da Unicredit, Intesa Sanpaolo e Bnp Paribas.
Nel frattempo, si avvertono degli assestamenti nell’azionariato. The Children’s Fund (TCI) ha ceduto il suo 2,7% in Abertis, mentre ha fatto il suo ingresso nella compagine il fondo Elliott. Nel frattempo stanno cedendo le proprie azioni anche i manager di Abertis. El Economista riporta che il presidente di Abertis Salvador Alemany e sua moglie hanno ceduto lo scorso week end, tra il 24 e il 26 ottobre, 276.826 azioni del gruppo iberico a 18,88-18,98 euro per azione per complessivi 5,2 milioni. Anche il deputy chairman Carmen Godia ha ceduto il suo pacchetto di titoli. Infine uno dei piccoli soci di Abertis, l’imprenditore Alicia Koplowitz, ha ceduto il suo intero pacchetto (valorizzato 1,65 milioni di euro).