Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
yonghong_li_1_acmilan

Milan, Mr Li gioca la carta del rifinanziamento con Merrill Lynch

La strada è segnata e al momento sembra l’unica possibile per l’azionista Yonghong Li per non finire, alla scadenza dell’ottobre del prossimo anno, direttamente nelle mani del fondo statunitense Elliott. Le trattative per il rifinanziamento del Milan stanno continuando e dovrebbero entrare nel vivo all’inizio del prossimo anno.
Al lavoro c’è l’avvocato Riccardo Agostinelli, dello studio Gattai Minoli Agostinelli, esperto di rifinanziamenti alle squadre di calcio visto che nel passato ha già ideato l’architettura dei rifinanziamenti dell’Inter (lavorando per il club) e della Roma (direttamente per conto del finanziatore). Le discussioni, secondo le indiscrezioni, avrebbero ormai preso una direzione precisa. Nei mesi scorsi erano state intavolate trattative parallele con due banche americane, cioè Goldman Sachs e Merrill Lynch.
Ma fin dall’inizio l’opzione con Merrill Lynch era apparsa la più praticabile. E proprio in quella direzione, Agostinelli starebbe lavorando con il suo team. Costantemente informato è l’amministratore delegato Marco Fassone, che proprio con Agostinelli nell’aprile scorso era riuscito in zona Cesarini a trovare il supporto finanziario di Elliott per fornire a Yonghong Li i capitali restanti necessari per l’acquisizione da Fininvest. Da rifinanziare ci sono tutti gli oltre 300 milioni che sono serviti alla proprietà cinese per chiudere l’operazione sul Milan e forniti da Elliott: 180 milioni direttamente per l’acquisizione e più di 120 milioni per finanziare il Milan tramite l’emissione di due bond sottoscritti dalla stessa Elliott. In più ci saranno da pagare gli interessi al fondo Usa per qualche decina di milioni.La struttura resta la stessa utilizzata per altre operazioni simili: la creazione di una newco nella quale far confluire tutte le attività che generano diritti che finirà in pegno alla banca finanziatrice. A propria volta Merrill, se l’operazione andrà in porto, dovrebbe emmetere dei bond da far sottoscrivere a investitori a caccia di opportunità high-yield.
Ma il condizionale è d’obbligo. Il piano di rifinanziamento è complesso, ma resta l’unico in mano a Yonghong Li al momento, visto che sembra difficile riuscire a cedere una minoranza del club rossonero.