Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
unknown

Il progetto di F2i di unire Infracom e la ex-Eutelia, Cloud Italia

C’è un progetto sul tavolo sulla strada del riassetto futuro di Infracom, la controllata italiana nelle Tlc finita ad Abertis, avuta in eredità lo scorso anno tramite l’acquisto delle rete autostradale della Serenissima.
Il gruppo spagnolo ha infatti deciso di cedere Infracom e in campo ci sono le offerte di player come la multinazionale statunitense Equinix, ma anche fondi come F2i, l’Accelero Capital di Naguib Sawiris e il gruppo finanziario statunitense Searchlight Capital Partners. Infine anche Retelit potrebbe provare a rientrare sul dossier.
Ma, in attesa dell’esito dell’asta gestita da Banca Imi, c’è chi per Infracom avrebbe un progetto preciso: cioè F2i che starebbe studiando la fusione fra Infracom stessa e Cloud Italia, società aretina attiva nei servizi di telecomunicazione nata sulle ceneri di Eutelia e ora controllata dal fondo Hirsch. Infracom, che genera circa 100 milioni di fatturato e 25 milioni di Mol, possiede due aree di interesse: da una parte la rete in banda larga di oltre 9mila chilometri, utilizzata dai gruppi telefonici, e dall’altra i servizi dei data center.