Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Milan-Bee, i 7 fatti che dicono che la trattativa è ormai finita

Telenovela Milan. Ma Mr Bee è sparito o c’è ancora? La posizione dei giornali, in questi ultimi giorni, è stata contraddittoria: per alcuni ormai le trattative sono giunte al capolinea per altri c’è ancora speranza. Del resto, la speranza è l’ultima a morire. In realtà, secondo quanto risulta a questa rubrica, le chance di Mr Bee di comprare una minoranza del Milan per 480 milioni di euro, in una scala da 1 a 10, sono attualmente a -1. In futuro, chissà: magari il broker thailandese potrebbe estrarre il coniglio dal cappello e trovare investitori che hanno soldi da spendere. Mai dire mai, insomma. Ma guardiamo solo i fatti: primo fatto) a un anno di distanza dall’inizio delle discussioni tra Silvio Berlusconi e Mr Bee tutto è come all’inizio, anzi peggio. Secondo fatto) A un anno di distanza non si sa ancora la provenienza dei soldi: su chi siano gli investitori, quindi buio fitto. Terzo fatto) Non si sa quindi nulla sulla struttura finanziaria dell’offerta: quanto equity e quanto debito né se i soldi sarebbero finiti direttamente a Fininvest (opzione più probabile) oppure al Milan in aumento di capitale. Quarto fatto) La pazienza di Fininvest (intesa come holding della famiglia Berlusconi) sembra finita, quella di Silvio Berlusconi resta da verificare, anche se l’ex-premier è sembrato assai scoraggiato nelle ultime interviste sul tema. Quinto fatto) Gli ultimi incontri tra Cina e Milano, con la fantomatica nuova offerta, non hanno prodotto risultati. Nei giorni successivi Bee ha inviato a Fininvest una documentazione sull’offerta che tuttavia non ha granché convinto. Tirando fuori ancora, tra le righe, una ipotetica Ipo a Hong Kong che chissà quando mai si farà. Sesto fatto) Le indiscrezioni che sosterrebbero che la nuova offerta si è bloccata per problemi di governance non hanno alcun senso finanziario. La realtà è che se davvero Mr Bee avesse messo sul piatto 480 milioni di euro per una minoranza del Milan (cioè il 48%), lo sarebbero andati a prendere in carrozza a Pechino. Ma i soldi non c’erano, anzi ce ne era una piccola parte. Settimo e ultimo fatto) Sarà una coincidenza ma la trattativa ha cominciato temporalmente a fare acqua da quando sono emerse le indagini della Procura di Milano sulla Tax&Finance, l’advisor di Mr Bee. Uno dei partner della società svizzera, anche se non direttamente collegato a Bee, è stato infatti indagato per riciclaggio.

  • Diego |

    Sembra di leggere esattamente lo stesso articolo che ha scritto quasi un anno fa. Ma se era tanto evidente allora, e le domande sono sempre le stesse, sarà mai possibile che Fininvest è Berlusconi si siano fatti prendere in giro per tutto questo tempo???

  Post Precedente
Post Successivo