Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Ecco le (reali) disponibilità finanziarie di Erick Thohir e la cassa da spendere per l’Inter

La scorsa settimana, dopo decine di mail di tifosi interisti, avevo preannunciato di preparare un articolo sulle reali disponibilità economiche e finanziarie di Erick Thohir, l'imprenditore indonesiano che è diventato proprietario dell'Inter al posto del petroliere Massimo Moratti. In queste righe proporrò dunque quanto scoperto dopo un'analisi approfondita tra diverse fonti finanziarie  e dopo aver effettuato ricerche anche all'estero.

Un'analisi non priva di difficoltà, visto che grande riservatezza circonda le attività di Erick Thohir. Infatti la domanda che molti si pongono resta questa: quanto è ricco Erick Thohir? Riuscirà a fare una campagna acquisti degna di un club blasonato come l'Inter?

Ecco quanto scoperto in questa inchiesta. Erick Thohir è un imprenditore attivo nel settore dell'entertainment (quindi calcio e sport) e dei media. Possiede infatti tramite la sua società attiva nei media un giornale in Indonesia: il cui nome è Republika. E qui è nata l'operazione finanziaria che, secondo i rumors, gli avrebbe fornito la liquidità necessaria a creare un piccolo impero nel settore del calcio (dove oltre all'Inter possiede anche il club statunitense Dc United e quello indonesiano Persib Bandung). Infatti la sua famiglia sarebbe entrata con un aumento di capitale nella sua società, acquistandone una quota. L'iniezione di cassa nella holding di Erick Thohir da parte della sua famiglia sarebbe stata di diverse centinaia di  milioni di dollari. Si parla di un 300 milioni. Questa sarebbe stata la dote fornita dal padre e dal fratello di Erick Thohir, che restano tra gli uomini più ricchi d'Indonesia. Il padre Teddy ha infatti creato un impero con diverse attività industriali mentre ancor più ricco sarebbe il fratello Garibaldi che ha un'attività di import export di carbone in Asia. Una volta avuta l'iniezione di capitali della sua famiglia Erick Thohir avrebbe deciso di mettere in piedi il suo disegno strategico: creare una grande società del settore dell'entertaiment e dello sport. Sono quindi stati comprati il Dc United di Washington e, quindi, l'Inter di Milano. Quando ha comprato l'Inter Erick Thoir aveva un patrimonio di circa 300 milioni di dollari: si parla di un centinaio di milioni di liquidità, più asset societari (nei media, tv e giornali) più la partecipazione di controllo nel Dc United (valore 60-70 milioni di dollari). Tuttavia l'acquisto dell'Inter, secondo alcuni, potrebbe essere stato assai pesante dal punto di vista finanziario. Anche per i debiti (circa 200 milioni di euro) che pesano sui nerazzurri e a fronte dei quali le banche italiane hanno chiesto garanzie a Thohir. Ora Thohir dovrà dare queste garanzie. Nelle ultime settimane Il Sole 24 Ore ha riportato le indiscrezioni in base alle quali Erick Thohir avrebbe deciso di cedere il Dc United. In effetti, secondo rumors raccolti, il suo advisor storico negli Stati Uniti (cioè Inner Circle) avrebbe ricevuto due offerte per il Dc United. Ma al momento Thohir non avrebbe preso ancora la decisione di cedere la squadra americana: ritenendo le offerte troppo basse. Inoltre, almeno al momento, il Dc United rientra all'interno della strategia internazionale del suo portafoglio sportivo. Insomma, si vedrà in futuro, anche se qualche addetto ai lavori ritiene che l'impegno finanziario sull'Inter potrebbe costringere Thohir a rivedere in futuro le offerte ricevute per il DC United. Per finire l'analisi sul patrimonio immobiliare di Erick Thohir: non solo quelle personali in Indonesia ma anche – secondo i rumors – un portafoglio di 3-4 alberghi in Spagna.

  • ClaudeMilanese |

    Insomma l’Inter l’ha praticamente comprata un Ernesto Pellegrini del sud-east Asiatico…
    L’Inter é secondo l’IFFHS tra le 15 società calcistiche piu prestigiose del mondo (la numero 9 in Europa) ed é l’unica non in mano a magnati o famiglie multimiliardarie in dollari.

  • Luciano M. Fasano |

    Ecco un articolo sulle possibilità finanziarie di Thohir.
    Luciano Fasano

  Post Precedente
Post Successivo