Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
unnamed

La Ion Investment di Pignataro vuole Cedacri: ecco chi è l’imprenditore cresciuto a Londra

E’ l’imprenditore emergente del fintech internazionale. Andrea Pignataro ha fatto fortuna a Londra. Ha creato 20 anni fa il gruppo  ION Investment Group, che è diventato in una decina di anni un gruppo fintech internazionale, specializzato nello sviluppo di piattaforme di gestione dati e di processi  per intermediari, grandi corporation e banche centrali.

Ora Pignataro vuole fare il grande balzo anche in Italia, dopo essere cresciuto nel Regno Unito. Vuole infatti comprare il gruppo Cedacri ed è in corsa per presentare a gennaio le offerte vincolanti. Altri gruppi in gara per l’azienda guidata da Corrado Sciolla sono la multinazionale americana Accenture, che viene data come favorita, ma anche la società romana Engineering, controllata dai private equity Bain Capital e Nb Renaissance.

Secondo indiscrezioni i tre potenziali acquirenti in corsa starebbero infatti effettuando la «due diligence» finale sui contratti in essere del gruppo Cedacri sottoscritti dalla clientela, prevalentemente finanziaria. Si tratta di un passaggio cruciale capire i meccanismi dei contratti, in caso di cambio del controllo.

Pignataro starebbe dunque accelerando in queste settimane per presentare un’offerta finale.

Ion impiega capitale permanente e investe solo in fintech, con approccio molto concentrato su prodotto e tecnologia, considerati le vere fonti di vantaggio comparato sostenibile. In questi anni le acquisizioni sono state fatte a leva. Di fatto, ION opera con le logiche del private equity, agendo con la rapidità e flessibilità tipica di questi investitori. Tuttavia, a differenza dei private equity, ION investe nelle proprie partecipate operando trasformazioni profonde in modo tale da permettere di ripensare il modello di business e il portafoglio prodotti delle società per essere meglio posizionate a cogliere le opportunità offerte dalla progressiva digitalizzazione dell’economia.

L’imprenditore si è mosso anche negli Stati Uniti per quotare al Nasdaq la Spac ScION Tech Growth I, con un target di raccolta di 500 milioni.