Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mediobanca studia la quotazione di Inglass

Un private equity o, in alternativa, la quotazione a Piazza Affari per il gruppo Inglass, multinazionale tascabile (con stabilimenti in Italia, Cina e Stati Uniti) ad alto contenuto tecnologico che, dal Nord Est, ha conquistato la leadership mondiale nella sua nicchia: nei cosiddetti «hot runner systems», cioè la progettazione e la realizzazione di sistemi a canale caldo per lo stampaggio ad iniezione di materiale plastico. La società fa capo a Maurizio Bazzo, che nel 1987 fonda l’azienda. Nelle ultime settimane sono state avviate riflessioni strategiche con Mediobanca, volte alla ricerca di capitali per accelerare la crescita della prossima fase di sviluppo, anche tramite acquisizioni all’estero.

Il settore ed il contesto forniscono diverse opzioni e la riflessione strategica sarebbe ad ampio raggio e non esclude, oltre all’ingresso di un private equity, una quotazione in Borsa o un accordo strategico di natura industriale. L’azienda è caratterizzata da una buona redditività: gli ultimi dati pubblici disponibili sono quelli del 2018 con 150 milioni di euro di giro d’affari e un margine operativo lordo attorno ai 35 milioni. Al processo in corso sarebbe stato invitato un numero ristretto di soggetti.