Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
moby_lines_moby_drea

Tornano all’attacco gli hedge fund contro la famiglia Onorato su Moby

Tornano all’attacco della famiglia Onorato gli obbligazionisti del gruppo Moby. Dopo l’istanza di fallimento presentata due mesi fa, gli investitori istituzionali hanno inviato il 13 dicembre scorso una lettera in cui contestano a Moby e all’azionista, la famiglia Onorato, alcune operazioni in violazione dei covenant sul debito. Un mese emezzo fa gli obbligazionisti avevano perso in Tribunale con la famiglia Onorato, anche se il giudice aveva chiesto al board di Moby di avviare delle misure per mettere in tranquillità finanziaria il gruppo.
Ora questo nuovo passaggio. Secondo quanto indicato da Reorg, gli obbligazionisti (affiancati da White & Case e dall’avvocato Francesco Gatti) parlano di evidenti violazioni: come i canoni pagati da Moby alla società di famiglia, la Fratelli Onorato, per il noleggio di alcune navi. Sotto i riflettori c’è anche l’acquisto da parte dell’azienda di un’appartamento in piazza San Babila a Milano da Vincenzo Onorato per 7 milioni. La risposta di Moby è stata immediata: «Queste accuse – spiega l’azienda – sono senza fondamento e sono un altro inutile tentativo da parte di un piccolo gruppo di obbligazionisti di esercitare pressioni sulla società a seguito del già rigettato ricorso presso il tribunale di Milano».