Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Zobele Group, il dossier a fondi e industriali. Il presidente: quando ci sarà qualcosa di concreto saremo noi a comunicarlo

E’ o meno in uscita dal gruppo Zobele l’azionista Dh Private Equity Partners, il nuovo nome preso nel 2017 dal fondo d’investimento britannico Doughty Hanson che dal 2006 è azionista della società trentina? Secondo i rumors finanziari sembrerebbe di si, visto che sarebbe stato affidato un incarico all’advisor Guggenheim Partners.

L’altro ieri il presidente Enrico Zobele è stato intervistato in Messico dal Corriere del Trentino. Ha spiegato di non voler commentare la notizia visto che “di rumors ne sono girati tanti. Al momento è solo una delle indiscrezioni che si rincorrono da tempo, quando ci sarà qualcosa di concreto saremo noi a comunicarlo”.

In realtà, secondo alcune fonti le discussioni stanno andando avanti. Secondo quanto risulta ad esempio a Mergermarket, il dossier sarebbe sul tavolo di diversi private equity. Ma anche alcuni gruppi industriali esteri potrebbero guardarlo. Come Aptar Group, Amcor, Berry Global Group e Silgan Holdings, tra le maggiori conglomerate internazionali nel settore.

Zobele si avvia a chiudere il 2019 con oltre 400 milioni di euro di fatturato , il 17% in più dei 343 milioni del 2018 quando l’azienda trentina decollò come operatore mondiale con l’acquisizione della spagnola Dbk. Il margine operativo lordo si dovrebbe invece attestare a una sessantina di milioni. I profumatori d’ambiente il prodotto principale di Zobele: deriva infatti da questo prodotto il 60% delle vendite, mentre gli insetticidi sono il 25% e gli altri prodotti il 15%.