Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Le banche d’affari americane aprono in Italia: ora è la volta di Stout

Le grando boutique di advisory americane arrivano in Italia, attratte dall’intensa attività di fusioni e acquisizioni nel settore delle piccole e medie imprese. Tra i confini tricolori sono già diversi i casi di banche statunitensi, specializzate nell’M&A, che hanno aperto uffici dedicati con manager italiani: si va infatti da brand famosi come Houlihan Lokey fino a realtà storiche come Jefferies e infine Lincoln International.
Così l’ultima a sbarcare è Stout, banca d’affari attiva principalmente nei servizi di advisory per l’M&A e nelle valutazioni aziendali.
Il gruppo Stout ha 16 uffici negli Stati Uniti e negli ultimi due anni ha portato avanti il progetto di costruire un network internazionale, sotto un unico brand, aprendo uffici in Svizzera, Germania, Singapore, Hong Kong e Shanghai. Nella struttura italiana, in apertura a Milano, entreranno come partner Simone Bassanini e Giacomo Mogni.
Il progetto di sviluppo di Stout è in continua evoluzione e la banca d’affari statunitense sta già valutando una apertura su Londra per poi approcciare altri Paesi come Francia e Spagna, almeno per l’Europa.