Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
sfilata-cavalli

Roberto Cavalli, per la maison ipotesi schema pre-concordatario per l’ingresso del socio: Blue Star sfida Philipp Plein

Sul riassetto di Roberto Cavalli si fa strada l’opzione di uno schema pre-concordatario. Gli advisor dell’azionista Clessidra, la banca d’affari Rothschild e lo studio Gattai Minoli Agostinelli, starebbero valutando questa ipotesi per favorire l’ingresso di risorse nella maison. Allo stesso tempo si starebbero comparando le diverse offerte dei nuovi soci.
Su questo fronte sarebbe un testa a testa fra Philipp Plein, dato favorito, e il gruppo Usa Blue Star. L’offerta del gruppo americano Blue Star Alliance prevede l’esecuzione di una manovra da oltre 100 milioni di euro tra aumento di capitale per la maison italiana e acquisto di marchi. In questa ipotesi Clessidra uscirebbe totalmente dalla compagine.
L’altra offerta è appunto quella del gruppo Philipp Plein, affiancato dal fondo Blue Skye. Fino a qualche settimana fa girava voce di aumento fissato a 50 milioni per lo stilista tedesco, ma ora l’aumento sarebbe salito a 100 milioni. In questa ipotesi, forse, Clessidra resterebbe in minoranza.
Più indietro sembra invece l’offerta della Otb di Renzo Rosso, già licenziataria Just Cavalli. In ogni caso per Cavalli si tratterà di una ristrutturazione: l’azienda non genera ancora cassa e ha 45 milioni di debiti verso il mondo bancario.