Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
temakinho

I ristoranti nippo-brasiliani Temakinho corteggiati da Benetton

I ristoranti Temakinho, catena di cucina nippobrasiliana, piacciono ad Alessandro Benetton e alla società d’investimenti da lui fondata, cioè 21 Investimenti. È da tempo, secondo i rumors in circolazione, che i private equity stanno corteggiando la catena di temakerie. Finora senza risultato.
Ma ora, secondo Mergermarket, proprio un private equity sarebbe vicino a trattare l’ingresso nel gruppo fondato nel 2013 dai tre imprenditori Linda Maroli, Santo Bellistri e Francesco Marconi. Da allora Temakinho è diventato uno dei modelli europei della cucina Sushi-Samba. Nel 2014 il fatturato era a due milioni di euro, mentre a fine 2017 dovrebbe toccare circa 25 milioni di giro d’affari e 4 milioni di margine operativo lordo con ristoranti a Milano, Roma, Ibiza e ora anche a Londra. Le discussioni con 21 Investimenti, secondo i rumors, sarebbero in corso anche se resta da capire se l’oggetto del contendere sia una maggioranza o una minoranza.