Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Stop all’Ipo Sorgente: istituzionali freddi sull’offerta

Ha fatto un certo clamore negli ambienti finanziari e immobiliari il ritiro della quotazione di Sorgente Res. L’offerta terminava proprio ieri e la societa’ ha emesso un comunicato in serata. «Sorgente Res e Siiq, d’intesa con i coordinatori dell’offerta globale di sottoscrizione, comunica la decisione di procedere al ritiro integrale dell’offerta in conformità a quanto previsto dal prospetto informativo, non ritenendo soddisfacente la quantità e qualità delle domande pervenute». Di sicuro, questa volta non si puo’ dire che l’offerta sia stata ritirata a causa delle cattive condizioni dei mercati. Infatti la settimana e’ stata abbastanza bullish per i listini. Inoltre gli istituzionali sono sempre a caccia di buoni affari su buone societa’. Ma l’offerta di Sorgente non ha scaldato per niente gli animi degli investitori. Il parterre di investitori non sarebbe inoltre stato ritenuto all’altezza: troppi hedge fund nella possibile compagine azionaria post-Ipo. Il gruppo presieduto da Valter Mainetti sperava al contrario di attrarre importanti istituzionali inglesi e americani capaci soprattutto di garantire una certa stabilità al titolo. Piuttosto che investitori speculativi. Sorgente prevedeva di investire una porzione dei proventi della quotazione sui beni oggetto di acquisizione:  in particolare, sull’immobile cielo terra a destinazione d’uso direzionale sito a Milano in Via Senato 28 e e sulla porzione di immobile cielo terra, a destinazione d’uso prevalentemente direzionale, sito a Roma in Via del Tritone 132. In ogni caso, visto come sono andate le cose, la Borsa diventa, anche per il futuro, una strada problematica per Sorgente:  difficile pensare a un nuovo tentativo in futuro, soprattutto dopo un tale atteggiamento degli istituzionali sull’offerta. È il caso di ricordare che l’azienda aveva infatti già archiviato due rinvii: alla fine dello scorso anno e prima dell’estate, sempre motivati dal gruppo con la cattiva condizione dei mercati. Anzi, c’è chi ambienti finanziari ipotizza che per Sorgente Res potrebbero ora aprirsi altre opzioni, a cominciare dalla ricerca di un investitore di peso, magari un private equity, come alternativa all’approdo in Borsa che ormai sembra una chimera.