Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

In corso Cda di Finmeccanica: verso la cessione di Ansaldo ai giapponesi di Hitachi

Per la cessione di Ansaldo Breda da parte di Finmeccanica siamo ormai alle battute finali. E’ in corso, secondo quanto riferiscono a Radiocor diverse fonti qualificate, una riunione del cda della holding sul cui tavolo c’e’ anche il tema della cessione della societa’ ferroviaria. Favoritissimi per la corsa all’acquisizione, confermano le fonti, sono i giapponesi di Hitachi con cui si potrebbe arrivare a definire l’affare in tempi a questo punto molto rapidi. La conglomerata nipponica supererebbe, quindi, nella corsa al settore Trasporti di Finmeccanica la cordata cinese guidata da Insigma, la cui offerta vincolante era stata prorogata fino al 15 febbraio scorso. La proposta dei giapponesi, che prevede prima l’acquisto di AnsaldoBreda e in un secondo momento di Ansaldo Sts (acquisendo il 40% in mano a Finmeccanica e poi lanciando un’opa sul resto del capitale), sta avendo la meglio, spiegano ancora le fonti, principalmente perche’ considerata piu’ robusta dal punto di vista industriale. Nella valutazione delle offerte dei due pretendenti non sono mancate pero’ anche valutazioni di ordine geo-politico, trattandosi della cessione di aziende di respiro mondiale che operano in un settore strategico come quello dei Trasporti. Hitachi e’ interessata agli asset Finmeccanica fin da quando oltre tre anni fa la holding mostro’ l’intenzione di cederli. Una certa opposizione politica e sindacale non sfidata fino in fondo dall’allora top management del gruppo, nonche’ i tanti problemi finanziari e industriali di Breda hanno tenuto a lungo fermo il dossier, che ha ripreso vigore con il processo di ristrutturazione della societa’ ferroviaria, ma soprattutto con il forte impulso dato dall’arrivo di Mauro Moretti alla guida del gruppo. Il top manager fin dalle prime settimane fece chiaramente capire di voler imprimere una fortissima focalizzazione sul core business dell’aerospazio e difesa. In questo senso, l’uscita dal settore Trasporti, peraltro attesa da tanto tempo dal mercato, e’ apparsa da subito un passo fondamentale in questa direzione e il traguardo sembra ormai a un passo.