Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Parte la vendita di Grandi Stazioni delle Ferrovie dello Stato

Accelerazione nel processo di vendita del gruppo Grandi Stazioni, la società controllata al 60 per cento da Ferrovie dello Stato e al 40 per cento da Eurostazioni, di cui fanno parte Edizione Srl (Gruppo Benetton), Vianini Lavori (gruppo Caltagirone), Pirelli & C. (gruppo Pirelli) e Sncf Partecipations (Société Nationale des Chemins de Fer).

Nelle settimane passate Fs, gruppo guidato da Mauro Moretti, che è anche presidente di Grandi Stazioni, assieme agli azionisti privati avrebbero deciso di avviare il processo con la scelta del consulente finanziario: il focus sarebbe caduto su una lista di una ventina di banche d’affari, tra le quali starebbe avvenendo il beauty contest per scegliere l’advisor a cui conferire l’incarico per la vendita. La cessione rientra nel piano di privatizzazioni deciso dal governo.
Il valore che circolava tra i potenziali compratori per le attività del gruppo guidato da Gaetano Casertano (subentrato ai primi di febbraio a Fabio Battaggia) si aggirerebbe attorno ai 400 milioni di euro. Tuttavia, secondo fonti vicine a Fs, il perimetro potrebbe allargarsi con una valutazione doppia, attorno agli 800 milioni secondo i valori di mercato. Nel 2012 il gruppo ha chiuso con un fatturato di 200 milioni, in calo di 17 milioni sul 2011 e un utile netto di 21 milioni di euro (dagli 11 milioni dell’anno precedente). Le aree che hanno maggiormente contribuito al risultato sono state quelle delle locazioni e dei servizi ai clienti. Sempre nello scorso anno sono stati investiti 45 milioni di euro, di cui 13 milioni in lavori di riqualificazioni delle stazioni. L'indebitamento è stato di 198 milioni di euro, con un rapporto debiti finanziari-mezzi propri di 1,2.
La società che verrà ceduta (al 100%) avrà in pancia le attività commerciali e retail del gruppo con le relative licenze ma anche lo sviluppo commerciale degli spazi pubblicitari presenti nel network. Interessati all’acquisizione, secondo i rumors, potrebbero essere fondi infrastrutturali.
Fin dalla sua costituzione nel 2000 l’azienda, grazie a un piano di investimenti da 800 miliardi delle vecchie lire, ha avuto come obiettivo quello di riqualificare, valorizzare e gestire le tredici principali stazioni ferroviarie italiane: cioè Milano Centrale, Torino Porta Nuova, Genova Brignole e Genova Piazza Principe, Venezia Mestre e Venezia S. Lucia, Verona Porta Nuova, Bologna Centrale, Firenze Sm Novella, Roma Termini, Roma Tiburtina, Napoli Centrale, Bari Centrale e Palermo Centrale. Un network attraversato ogni anno da 600 milioni di persone e con 1,5 milioni di metri quadrati di beni immobiliari.
Attualmente la società è impegnata, in quanto aggiudicataria della relativa gara, a qualificare la stazione di Roma Tiburtina e sta anche realizzando un mega-parcheggio per la Stazione Termini.