Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
2da8f6c5cd3fa0cd67c8f369a4328605-u205769035tih-1020x533ilsole24ore-web1

Inter, Fortress accelera con Suning. Proposta da 250 milioni in due rate

Prosegue, a ritmi serrati, la trattativa tra il private equity americano Fortress e il gruppo cinese Suning. La scadenza per arrivare a un documento di accordo condiviso sarebbe stata fissata, secondo indiscrezioni, alla fine di marzo.

La bozza di proposta, secondo i rumors, prevederebbe una forma di finanziamento tramite «preferred equity» per circa 250 milioni di euro: dei quali 150 milioni subito e altri 100 milioni successivamente. Diversi punti del possibile accordo sarebbero al momento oggetto di negoziazioni. A seguire le discussioni, secondo le indiscrezioni, ci sono i manager del gruppo Fortress, da una parte, e uno dei dirigenti di Suning, il senior investment manager Simon Yang e il suo staff, dall’altra parte. Proprio Yang, è da tempo una delle figure di collegamento tra Milano e Nanchino e l’uomo di maggior fiducia del presidente, Steven Zhang.
Tuttavia il gruppo Fortress non ha un’esclusiva a trattare in queste settimane. Restano quindi sul tavolo di Suning altre negoziazioni, sia sul lato del debito sia su quello dell’ingresso azionario.

Sul fronte del finanziamento restano aperte le discussioni con il gruppo Bain Capital Credit.
C’è poi il capitolo di nuovi soci. Ieri il quotidiano britannico Sun ha riferito di trattative con il fondo sovrano dell’Arabia Saudita, Public Investment Fund (Pif). In realtà, le discussioni sarebbero in una fase molto preliminare.

Ferme, almeno al momento, sarebbero poi le trattative con il fondo di private equity Bc Partners, che ha ormai dettato le sue condizioni e la sua offerta (con una valutazione complessiva compresa tra 750 milioni e 800 milioni). Una ripresa dei colloqui dipenderà dalle decisioni di Suning.
Suning potrebbe preferire, in questa fase, un finanziamento in modo da mantenere il controllo del club. L’Inter è alla ricerca di capitali freschi per supportare il circolante e, successivamente, per rifinanziare i 375 milioni di euro di bond in scadenza alla fine del 2022 . Per questa ragione Suning ha conferito mandato a Goldman Sachs di sondare il mercato.