Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

I piatti pronti Gelit vanno al consorzio Consilium-Progressio

Vanno a un consorzio di investitori i surgelati Gelit, tra i leader italiani nel settore dei piatti pronti surgelati, che dal 2012 fa parte della multinazionale statunitense quotata Conagra Brands.
A rilevare il gruppo italiano sarà una cordata composta da due private equity: cioè Consilium e Progressio affiancati dall’ingegner Massimo Menna, già socio di minoranza della pasta Garofalo. Il valore dell’operazione degli acquirenti, assistiti sul deal da Banca Imi e da BonelliErede, sarebbe secondo i rumors attorno agli 80 milioni di euro.
Da qualche mese era in corso un’asta con un incarico di vendita affidato a Bnp Paribas-Bnl e allo studio Jones Day. Gelit è un gruppo prevalentemente esposto negli Stati Uniti: un’azienda redditizia (fa circa 9 milioni di Ebitda) con un cliente americano, cioè Trader Joe, che fa circa il 40% dei volumi. Per Consilium si tratta di un ritorno al passato: Gelit, prima di passare a Conagra, faceva capo a a Consilium e Igi Sgr, che l’avevano rilevata dal colosso italiano Barilla. La cordata Consilium-Progressio ha avuto la meglio su operatori come Whitebridge, Mandarin Capital, Peak Rock Capital e, tra gli industriali, Rolli e Orogel e diversi altri.