Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
1461049859eec54ebe4d2c921f01d43a97d12d13f9

Si apre un fronte Intesa Sanpaolo-Mediobanca anche sullo Ieo-Monzino

Un nuovo fronte finanziario si apre, a sorpresa, in due delle strutture ospedaliere d’eccellenza in Italia, lo Ieo, l’Istituto Europeo di Oncologia fondato da Umberto Veronesi, e il centro cardiologico Monzino.
La famiglia Rotelli e Gianfelice Rocca puntano infatti ad acquistare il gruppo, che oggi è posseduto da un parterre di soci finanziari, riuniti anni fa da Enrico Cuccia, quando la sua Mediobanca decise di avviare il progetto su proposta del professor Veronesi. Nella compagine dello Ieo-Monzino, guarda caso, ci sono tutti gli ingredienti dei grandi riassetti del capitalismo italiano, come anche l’ultima vicenda Generali insegna. Azionisti delle due famose strutture ospedaliere sono infatti Mediobanca, Unipol, lo stesso Leone di Trieste per arrivare a Unicredit e Intesa Sanpaolo.
Il progetto del gruppo Humanitas e del gruppo ospedaliero San Donato, che hanno presentato una manifestazione d’interesse congiunta per acquisire le due strutture, è chiaro: dar vita ad un grande progetto che valorizzi le eccellenze cliniche e scientifiche delle due realtà sanitarie milanesi oggetto d’interesse con l’intento di proiettarli in una dimensione internazionale. Il progetto è quello di dar vita a due poli: quello oncologico con Humanitas e quello cardiovascolare con il gruppo San Donato. Nel piano si punterebbe a investire somme importanti nella ricerca (alla base della nascita dello Ieo con Veronesi) e a creare sinergie sul fronte dei costi, nella convinzione che anche nella sanità (con la discesa dei contributi pubblici) sia necessario creare dei campioni internazionali.
L’offerta degli acquirenti, assistiti da Rothschild e soprattutto con la regia dell’alleato Intesa Sanpaolo che fornirebbe i finanziamenti necessari, si aggirerebbe sui 300 milioni di euro ed è ora sul tavolo degli azionisti dello Ieo-Monzino (che nel bilancio ha 60 milioni di liquidità).
Ma la situazione è complessa. Il fronte Mediobanca, secondo le indiscrezioni, sarebbe scettico sull’offerta di Rotelli-Rocca-Intesa Sanpaolo: piazzetta Cuccia non sembra disposta a cedere la sua partecipazione nello Ieo-Monzino, e la stessa linea potrebbero avere Generali e Unipol.
Starebbe valutando la proposta di Rotelli-Rocca anche Unicredit: il tema sarebbe sul tavolo del management, anche se è nota la politica di Jean Pierre Mustier di cedere le partecipazioni non strategiche.
Rotelli e Rocca sarebbero anche disposti a valutare, oltre all’offerta cash, una proposta di scambio in azioni della nuova realtà che nascerà. Ma anche su questa opzione alcuni degli azionisti dello Ieo-Monzino sembrerebbero scettici. Anche nella sanità, a sorpresa, si crea dunque un fronte Mediobanca-Intesa Sanpaolo.