Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
raggi

La Raggi e i 5 Stelle affossano il titolo Acea a Piazza Affari: 100 milioni persi

L’elezione di Virginia Raggi a sindaco di Roma e l’arrivo del Movimento 5 Stelle al Campidoglio affossano il titolo Acea a Piazza Affari. L’azione dell’utilità capitolina, partecipata importante del Comune con il 51%, perde infatti oltre il 4 per cento, sulla scia delle dichiarazioni (in campagna elettorale) della Raggi pronta a cambiare il management. Di sicuro c’è preoccupazione nella società di piazzale Ostiense. A rischiare sarebbe l’amministratore delegato Alberto Irace, renziamo Doc, mentre sembrerebbe più sicura la poltrona della presidente Catia Tomasetti, che ha già avuto contatti nei giorni scorsi con la Raggi.E sotto i riflettori c’è anche il futuro del consigliere Diane D’Arras, rappresentante di Suez Environnement in Acea. Come pure i rapporti fra il gruppo Caltagirone, importante azionista di Acea con il 16% (Francesco Caltagirone è nel Cda), e la rappresentante del Movimento 5 Stelle, che fino ad oggi sono stati tesi. Il Messaggero, giornale il cui editore è proprio Caltagirone, ha criticato in marzo “le sparate” in campagna elettorale della Raggi contro il management di Acea, dopo che la Sim Equita ha eliminato il titolo Acea dal portafoglio delle piccole e medie imprese italiane preferite “considerate le affermazioni del Movimento 5 Stelle di voler cambiare il management”. Dal 21 marzo, quando la Raggi ipotizzò il cambio dei manager di Acea, ad oggi il titolo della società romana ha lasciato sul terreno quasi il 20 per cento. Nel frattempo, oggi gli analisti di Kepler hanno diminuito il target price del titolo da 14 a 12,5 euro (con raccomandazione hold) segnalando il rischio di un cambio al vertice della società per motivi politici. Insomma, la strategia del Movimento 5 Stelle sull’utility costa nella giornata di oggi un centinaio di milioni alle quotazioni di Borsa di Acea (a maggior ragione in una seduta di Borsa abbastanza tranquilla), dopo il crollo di quasi il 5% dello scorso marzo, anche se c’è da dire che nella sessione odierna ha avuto un’influenza anche lo stacco del dividendo.