Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mps, aspettando il socio estero, anche dalla Bce semaforo verde al consolidamento della ripresa

C’è ancora tempo per trovare un socio estero per Siena. L’impressione, tra gli addetti ai lavori, è che per Montepaschi la strada del matrimonio sia ancora lunga. Della decina di banche estere contattate dagli advisor Citi e Ubs quasi nessuna si è detta finora convinta a digerire un matrimonio di questo tipo. Non sono convinte né le francesi Bnp Paribas e Credit Agricole, né grandi gruppi spagnoli come Bbva. Ci sarebbe il più piccolo Banco Sabadell, gruppo iberico che ha una correlazione con Siena: nel suo Cda siede infatti il messicano David Martínez Guzmán che è presidente del fondo Fintech Investment Limited,a propria volta socio di Mps con la Fondazione e la brasiliana Btg Pactual.Tuttavia, come indicato dal presidente della fondazione Mps, Marcello Clarich bisognerà aspettare l’insediamento del nuovo presidente della banca, Massimo Tononi, che ha “una grande esperienza di M&A” per avere qualche novità. In realtà, secondo quanto risulta a questa rubrica, sembra che per Mps potrebbe essere scelta un’altra strada: quella dell’attesa. Cioè fare in modo che la banca consolidi la propria ripresa e faccia decisi passi avanti nel miglioramento della gestione delle problematiche ancora da sciogliere. Quello che infatti non vogliono i gruppi esteri è trovarsi di fronte a una realtà che possa nascondere ancora sorprese. Così anche a livello di Authority (e di Banca Centrale Europea che fino a qualche mese fa aveva dato un diktat) starebbe maturando la convinzione che per Mps non sarà necessario bruciare le tappe. E che per il matrimonio potranno essere attesi tempi migliori.

  Post Precedente
Post Successivo