Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Milan, Berlusconi rinvia la firma con Bee (il benefattore) e sigla un preliminare

Un pre-accordo vincolante da firmare entro il week end. È finito con questo impegno l’incontro  ad Arcore tra Silvio Berlusconi e l’intermediario thailandese Bee Taechaubol. Il pre-accordo, comprensivo di penali (qualche decina di milioni), dovrebbe essere preludio all’ingresso della cordata di investitori asiatici (rappresentati da Mr Bee e dove potrebbe esserci la banca cinese Citic) nel Milan con il 48% del club, lasciando a Silvio Berlusconi e alla sua famiglia il controllo della squadra. Secondo quanto filtra da ambienti vicini a via Paleocapa, si sarebbe scelta la strada del pre-accordo per consentire agli avvocati (gli studi Chiomenti e Gianni Origoni Grippo Cappelli) di avere il tempo necessario per completare la complessa documentazione contrattuale necessaria alla firma vera e propria per il passaggio del  48% a Mr Bee con il trasferimento di 480 milioni di euro nelle casse di Fininvest: firma per la quale non sono stati dati tempi precisi. Le parti sarebbero dunque «fiduciose di chiudere la trattativa». Di sicuro, uno dei temi sul tavolo resta quello della governance e dei posti disponibili in Cda per Mr Bee i i suoi uomini. Il thailandese resterà in minoranza, pur mettendo sul piatto 480 milioni, cifra fuori dai multipli dei club calcistici. Ad avere tutti i vantaggi (economici e societari) sarà quindi Berlusconi, mentre Mr Bee avrà anche il compito di espandere il brand Milan in Asia. Un benefattore il broker asiatico? In realtà, Mr Bee punta a quotare il Milan ad Hong Kong per avere ritorni sull’investimento: con tempi che tuttavia al momento (vista anche la bolla sulle Borse cinesi) non è possibile prevedere.