Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Unieuro, Ipo in soffitta. Ardian pronto all’offerta

I grandi fondi di private equity sono pronti all’offerta per la catena di elettronica Unieuro, gigante italiano del settore con ricavi per 1,4 miliardi di euro che ha come azionista di riferimento il private equity Rhône Capital. Tra domani e dopodomani sarebbe stata infatti fissata la scadenza per le proposte che arriveranno agli advisor Banca Imi e Unicredit. Per la società sarebbe stata scelta la strada del dual track, cioè della doppia opzione tra vendita e quotazione in Borsa a Piazza Affari. Negli scorsi mesi Rhône Capital ha infatti affidato un incarico a Banca Imi e Unicredit per l’Ipo. Ma alla fine avrebbe prevalso l’opzione della vendita ad altri gruppi finanziari, posticipando eventualmente la quotazione al 2016. L’operazione avrebbe suscitato l’interesse di alcuni grandi fondi di private equity esteri. Tra i più attivi sul dossier ci sarebbe il gruppo finanziario francese Ardian, ma in campo sarebbero scesi anche gruppi finanziari americani. Ardian già tre anni fa, quando era stato organizzato con Mediobanca un processo di asta poi congelato, era tra i favoriti per l’acquisizione e ora sarebbe in pole position. Il fondo guidato da Nicolò Saidelli, del resto, conosce molto bene Unieuro. Si parla di un’operazione di taglia abbastanza grande: Unieuro potrebbe valere attorno ai 300 milioni di euro. Con l’esercizio chiuso a febbraio 2015, Unieuro ha raggiunto 1,4 miliardi di ricavi: si tratta del primo esercizio in cui sono consolidati i risultati di Sgm Distribuzione (con l’ex-catena Marco Polo) ed Unieuro acquisita da Dixons nel 2013. La società guidata dall’amministratore delegato Giancarlo Nicosanti ha toccato un margine operativo lordo di 60milioni di euro, un livello di redditività, in termini relativi sul fatturato, tra i più elevati nel settore in Italia.  Oggi Unieuro è il primo operatore in Italia (altro grande concorrente è Mediaworld) nella vendita di elettronica di consumo per numero di punti di vendita con oltre 440 unità di cui 180 centri a gestione diretta.  

  Post Precedente
Post Successivo