Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Atlantia verso l’incarico alle banche per la cessione del 40 per cento di Adr ai fondi di Abu Dhabi e Kuwait

Parte il riassetto per Aeroporti di Roma (Adr), controllata di Atlantia, e in campo scendono i fondi sovrani del Golfo Persico, con gli investitori di Abu Dhabi e del Kuwait in prima fila.
Nelle ultime settimane, secondo indiscrezioni raccolte dal Sole 24 Ore, sarebbe infatti stato affidato dal gruppo infrastrutturale della famiglia Benetton, socio di Adr con il 95,91% del capitale, un incarico alla banca d’affari statunitense Goldman Sachs per cedere una quota di circa il 40% degli scali della capitale. La transazione, secondo una fonte vicina all’operazione, fa da sfondo anche al deal appena concluso per l’ingresso in Alitalia di Etihad Airways, la compagnia aerea di bandiera degli Emirati Arabi Uniti che ha sede proprio ad Abu Dhabi.
Questa partecipazione azionaria, secondo il piano allo studio, verrà suddivisa in due tranche di circa il 20% ciascuna. Su un primo 20% sta infatti partendo un beauty contest tra alcuni fondi sovrani e fondi infrastrutturali selezionati. Della partita farebbero parte in particolare Qatar Holding, cioè il fondo sovrano dei reali di Doha, ma anche Wren House, braccio attivo nel settore delle infrastrutture del fondo di investimento Kia del Kuwait. Proprio quest’ultimo investitore, secondo i rumors, sarebbe tra i soggetti più attivi sul dossier e avrebbe già avuto alcuni colloqui per valutare l’operazione assieme ai suoi advisor.
Di sicuro, il dossier starebbe riscontrando l’interesse di diversi investitori: gli scali aerei, malgrado la recessione, restano infatti un target d’interesse per i fondi sovrani, sempre alla ricerca di un’attività regolamentata con un’elevata prevedibilità dei flussi di cassa e con una crescita del traffico e dei passeggeri nel medio termine.
In vendita ci sarà poi un altro 20%, ma in questo caso l’investitore sarebbe già stato individuato: secondo due fonti vicine alla vicenda, sarebbe infatti proprio Adia, il fondo sovrano di Abu Dhabi. Quest’ultimo investirebbe proprio all’interno della transazione conclusa tra Alitalia ed Etihad Airways, visto che Fiumicino rappresenterà in futuro un hub fondamentale per le rotte dal Medio Oriente e dall’Asia. È comunque prevedibile che l’ingresso di Adia nel capitale di Adr possa avvenire solo dopo il via libera di Bruxelles all’accordo per l’ingresso di Etihad in Alitalia.
La cessione del 40% consentirà ad Atlantia, la società infrastrutturale controllata da Sintonia (con in cima alla catena Edizione, holding della famiglia Benetton) di monetizzare parte dell’investimento, pur mantenendo almeno il 50% del gruppo aeroportuale, cioè una partecipazione di controllo.
In ogni caso Aeroporti di Roma potrebbe essere valutata attorno a 4 miliardi di euro, quindi potrebbe trattarsi di un’operazione del valore di circa 1,6 miliardi di euro suddivisa in due tranche da 800 milioni.
Di sicuro, la transazione potrebbe raggiungere multipli elevati: le operazioni di fusione e acquisizione nel settore aeroportuale sono infatti avvenute almeno a multipli di 14 volte il margine operativo lordo.
Inoltre, gli scali romani sembrano il target preferito per gli investitori del Golfo Persico: Roma è il principale aeroporto italiano, ma anche la porta d’ingresso per l’Europa dall’Asia.