Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Confalonieri non esclude Mediaset Premium-Telecom, ma Patuano non ci pensa proprio e guarda a banda larga e Brasile

Il conferimento di Mediaset Premium in Telecom Italia in cambio di una quota dell’ex-monopolista telefonico? Oggi Fedele Confalonieri non ha smentito questa ipotesi. Quindi l’operazione potrebbe decollare? Il giudizio degli addetti ai lavori è abbastanza negativo sulla concretezza dell’ipotesi. Infatti nel settore finanziario si sa da tempo che il management di Mediaset e Fininvest, con Confalonieri in testa, è alla ricerca di una soluzione per Mediaset Premium che in questi anni è stata fonte di perdite. Due mesi fa nella società è entrata Telefonica con una piccola quota e per diverso tempo sono proseguite altre discussioni con Canal Plus e con Al Jazeera per cedere altre quote azionarie della piattaforma digitale. Tuttavia queste discussioni non si sono mai concretizzate. Ovvio dunque che Mediaset, con il conferimento di Premium in Telecom, potrebbe evitarsi il problema di rilanciare in prima persona la tv, andando a fonderla con chi fornisce le tecnologie per veicolare i contenuti, cioè Telecom Italia. Per raggiungere questo esito ci sarebbero anche stati contatti fra i manager di Mediaset e Vincent Bollorè, il finanziere francese socio di Vivendi (a propria volta nuovo socio di Telecom Italia). Tuttavia le aspettative di Mediaset sembrano ottimistiche. Per due ragioni. Marco Patuano, Ad di Telecom Italia, non sembra per niente intenzionato a fare un accordo con Mediaset. Un’intesa che ci potrebbe essere solo se arrivassero pressioni politiche o finanziarie. Patuano, anzi, ha appena fatto un accordo commerciale con Sky, cioè il concorrente di Mediaset. Inoltre l’Ad di Telecom è fortemente impegnato a realizzare investimenti nella fibra (vedi l’interesse per Metroweb) e punta a risolvere al meglio la vicenda brasiliana: con una possibile, come anticipato da questa rubrica, fusione tra Oi e Tim Brasil. Insomma, l’accordo Mediaset-Telecom sembra a favore della prima ma non della seconda. E Patuano, tranne sorprese prossime venture, non avrebbe alcuna intenzione di seguire questa strada.