Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Al Cda Intesa Sanpaolo il dossier scorporo del private equity per 300 milioni

Il dossier dello scorporo del private equity di Intesa Sanpaolo in una nuova realtà sarà sul tavolo del consiglio di amministrazione di Intesa Sanpaolo del prossimo 15 settembre. Si tratterà di un’operazione di circa 300 milioni di euro di controvalore, grazie ai capitali immessi da investitori istituzionali (si fa il nome in particolare del gruppo statunitense Neuberger Berman ma anche di altri).
Secondo indiscrezioni nella newco dovrebbero finire diverse partecipazioni acquisite dal private equity di Intesa Sanpaolo in questi anni: quella ad esempio nelle matite Fila, ma anche in Guala. Ma anche le quote in Pavan, Novamont e Rina. Infine, sarebbe allo studio di raggruppare nella nuova entità anche quote in fondi di private equity come Carlyle, Apax e Cinven. In dubbio invece lo scorporo (o meno) della quota nel fondo Mandarin. In tutto, secondo i rumors, si parla di un portafoglio del valore di circa 300 milioni di euro.
L’esame dell’operazione, che non ha ancora avuto il via libera formale, sarà quindi sul tavolo del board di Intesa Sanpaolo del prossimo 15 settembre. Per ora si parla di un progetto allo studio, visto che deve essere ancora ben definito il perimetro di scorporo come pure altri fattori chiave. Uno di questi è lo scorporo, assieme al portafoglio di partecipazioni, di un team di gestione che con alcuni professionisti potrebbe entrare nella nuova struttura.