Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Farbanca (Pop Vicenza), in campo il fondo Negentropy (con capitali cinesi)

Finale al fotofinish per Farbanca, banca dedicata al mondo della farmacia e della sanità di proprietà della Popolare di Vicenza, ma confluita nella bad bank dopo il passaggio dell’istituto veneto a Intesa Sanpaolo. A breve, probabilmente settimana prossima, dovrebbe essere indicato il gruppo acquirente, dopo che prima dell’estate è partita un’asta per la vendita.
Al vaglio dei commissari, assistiti da Mediobanca, ci sarebbe dunque l’offerta del gruppo Negentropy Capital, società lussemburghese che gestisce fondi per asset distressed e che avrebbe l’appoggio di capitali e azionisti cinesi. Ma per Farbanca sarebbero arrivate proposte anche da gruppi strategici, cioè Banca Ifis e Creval e da gruppi finanziari, come il fondo londinese Blue Sky. Ora i commissari dovranno decidere se guardare soltanto al massimo incasso oppure se valutare anche proposte, magari più basse, ma in grado di fornire sinergie. La base di partenza per le offerte partirebbe dal «book value» del gruppo: cioè circa 60 milioni di euro.