Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Insegne del gruppo Mediaset a Cologno Monzese. Gli utenti di Mediaset Premium a marzo sono cresciuti a 4,18 milioni in totale, contro i 3,88 milioni di fine 2010 e i 3,73 milioni di fine 2009. Si tratta dei dati che i vertici del gruppo televisivo hanno utilizzando per la presentazione dei dati 2010 agli analisti finanziari. In particolare gli utenti Mediaset Premium sono 1,9 milioni in abbonamento e 2,3 milioni con tessere prepagate. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

Prove di pace tra Mediaset e Vivendi

Le ipotesi di trattative in corso tra Mediaset e Vivendi per risolvere lo scontro tra la famiglia Berlusconi e i francesi mettono le ali a Mediaset a Piazza Affari. Il gruppo di Cologno e Vivendi starebbero negoziando per ricomporre la frattura che si è venuta a creare con il mancato acquisto di Premium da parte dei gruppo di Vincent Bolloré. Le trattative riguardano il coinvolgimento di Mediaset nella joint venture allo studio tra Canal Plus e Tim per portare i contenuti sulla banda ultra-larga, oltre a una riduzione della quota di Vivendi in Mediaset dal 29% al 10%, con Finivest che potrebbe comprare le quote eccedenti. Le parti starebbero cercando un’intesa in tempi brevi, entro l’asta dei diritti tv e prima dell’udienza al tribunale civile di Milano della causa intentata dal gruppo di Cologno contro i soci francesi fissata per il 19 dicembre. Inoltre, allo studio ci potrebbe essere anche un risarcimento per Mediaset. «Qualsiasi accordo negoziato con Vivendi dovrebbe vedere riconosciuti a Mediaset i danni per la rottura del contratto su Premium e quindi sarebbe positivo per il titolo», commentano gli analisti di Equita, aggiungendo che comunque un acquisto da parte di Finivest del 19% di Mediaset messo in vendita da Vivendi sarebbe «complesso». Per un’altra primaria sim milanese «questi rumors possono sostenere il titolo perché un accordo sarebbe chiaramente una notizia positiva per Mediaset», aggiungendo di ritenere «ragionevole che Mediaset chieda che eventuali negoziati con Vivendi debbano ripartire da Premium, ossia da dove è iniziato il dissidio».