Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Milan, sulla Gazzetta Ufficiale la convocazione per l’aumento: sarà di 120 milioni

E’ uscito in Gazzetta Ufficlale l’avviso per la convocazione dell’assemblea prevista attorno a metà di maggio per deliberare l’aumento di capitale del Milan. La cifra stabilita, secondo i rumors, sarebbe di un aumento di complessivi 120 milioni, divisi in due tranche da 60 milioni. Inoltre verrà anche lanciato un bond quotato alla Borsa di Vienna per 123 milioni. L’assemblea è prevista per il 18 maggio.
Queste iniezioni serviranno a ripianare le perdite di bilancio (il primo aumento da 60 milioni) e, successivamente, a dotare il club delle risorse necessarie per la gestione e la campagna acquisti: è previsto un tesoretto di almeno 110 milioni. Cinquanta milioni arriveranno infatti da una tranche del bond da 123 milioni (mentre gli altri 73 milioni del bond stesso serviranno a rimborsare le banche), e altri 60 milioni arriveranno dal previsto secondo aumento di capitale, per il quale il Cda ha la delega.
La nuova proprietà, quella dell’uomo d’affari Yonghong Li, sta dunque finalizzando gli ultimi punti della complessa operazione finanziaria. Si tratta di un’architettura che prevede uno sviluppo accelerato del piano industriale, sotto la guida di Marco Fassone, e per finire avrebbe come obiettivo la quotazione a Hong Kong del club, in modo da rimborsare il fondo Elliott.

BERLUSCLOSING, IL LIBRO SUGLI ULTIMI 3ANNI DI TRATTATIVE SUL MILAN: CON DOCUMENTI INEDITI E IL PIANO DI MR LI
copertina-libro-berlusclosing
Il Milan passa ai cinesi dopo circa tre anni di trattative. Prima del nuovo proprietario, Yonghong Li, che ha impiegato otto mesi a conquistare il club, si erano infatti presentati a Milanello presunti tycoon, intermediari, fino a principesse thailandesi, dame cinesi, tutti interessati a mettere le mani sulla squadra più amata in Asia. Su Amazon è uscito BerlusClosing: un libro che ricostruisce questi tre anni di trattative con retroscena segreti, dietro le quinte, ricostruzioni minuziose, interpretazioni finanziarie e politiche, analisi di bilanci e, infine, documenti esclusivi. Come i primi contratti firmati tra Elliott e Yonghong Li per sottoscrivere il contratto di finanziamento da 303 milioni di euro. Viene inoltre data la lista minuziosa di proprietà di Yonghong Li in Cina. L’interpretazione, anche politica, dell’ingresso di Paolo Scaroni, ex manager Eni, in Cda. Il nuovo piano industriale che dovrà realizzare Marco Fassone. Fino a ripercorrere le trattative passate: quella di Mr Bee, con le informazioni segrete del thailandese sul dossier Apollo. E poi ancora l’ingresso sulla scena, oltre che della dama cinese, anche di una principessa thailandese interessata un anno fa a comprare il Milan. Per finire con la vicenda, anche giudiziaria, che ha colpito la Tax & Finance, società di consulenza di Lugano che era advisor di Mr Bee. Con tutte le leggende metropolitane sulla provenienza dei soldi che hanno costretto l’avvocato di Silvio Berlusconi, Nicolò Ghedini, a portare le carte dei documenti bancari in Procura.

  • Ribola Giuseppe |

    Quello che il tifoso milanista si aspettava era la conclusione di una trattativa che di fatto ha condannato la società rossonera, ricordiamo una delle più titolate al mondo, ad una presenza da comprimario nel campionato italiano ed a una assenza di quattro anni dallo scenario europeo. Quello che tutti i tifosi milanisti come il sottoscritto si auspicano è il ritorno da protagonisti sulla scena del calcio nazionale ed internazionale. Le alchimie finanziarie messe in atto per l’acquisto della società Milan da parte dei cinesi credo non possano essere giudicate dai sostenitori per la scarsa conoscenza della documentazione sottostante se non relativamente a quanto letto sui quotidiani. Comunque sempre “Forza Milan” e buon calcio a tutti i veri appassionati di questo splendido sport.

  Post Precedente
Post Successivo