Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
unknown-2

I russi di Vtb trattano minoranza di Giochi Preziosi

Un fondo londinese, sottoscritto da capitali russi, per il futuro della Giochi Preziosi. Arriverebbero da Mosca, secondo le indiscrezioni, le possibili risorse per l’azienda fondata da Enrico Preziosi, alle prese con un riassetto azionario del suo gruppo.
Per ora i contorni della trattativa non sarebbero ancora definiti ma cominciano a trapelare negli ambienti finanziari alcuni aspetti del piano in corso d’opera.
Oggetto della trattativa è l’ingresso nella Giochi Preziosi al posto del socio cinese Ocean Global. Il nuovo partner, che si sarebbe fatto avanti nell’ultimo mese, sarebbe un fondo londinese. Si tratterebbe di un Multi family office (Mfo), cioè una struttura di investimento con capitali privati.
Dunque non non si tratterebbe di un fondo di private equity internazionale, ma piuttosto una boutique di investimento il cui finanziatore sarebbe una banca ben nota nel mondo della finanza: cioè la russa Vtb, una delle più grandi banche a Mosca e dintorni. La trattativa sarebbe seguita da Deloitte, per conto dei russi, e dall’avvocato Bruno Gattai, storico legale di Enrico Preziosi.
Se le discussioni, che ora sono in una fase preliminare, andranno a buon fine, il nuovo investitore dovrebbe prendere il posto del socio cinese in Giochi Preziosi.
La quota del 49 per cento dell’investitore asiatico sarebbe in corso di acquisto proprio in questi giorni da parte di Preziosi grazie a un prestito ponte delle banche.
L’operazione si è sbloccata subito dopo la conclusione dell’accordo con la Investindustrial di Andrea Bonomi per la vendita della quota nella joint venture Prénatal Retail Group, nata nel 2015 come alleanza paritetica tra Artsana e Giochi Preziosi,per unire le catene retail Toys Center, King Jouet, Prénatal e Bimbostore in un unico grande network del giocattolo.
Da questa cessione verranno incassati oltre 100 milioni di euro, che poi serviranno per far quadrare il nuovo riassetto del gruppo dei giochi dopo l’uscita dei cinesi. Con i russi che (forse) potrebbero entrare.