Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
images

Parte l’asta su Esaote. In corsa Siemens, Philips, Hitachi, Samsung, Toshiba, General Electric

I giganti della tecnologia medica mettono nel radar il gruppo Esaote. Sarebbe infatti partita concretamente nelle ultime settimane l’asta sul gruppo italiano, leader nel settore della diagnostica. Secondo indiscrezioni sarebbe infatti stato affidato un incarico alla banca d’affari Rothschild per valutare le diverse opzioni, fra cui ci potrebbe appunto essere la cessione. Starebbero quindi esaminando il dossier multinazionali come Siemens, Philips, Hitachi, Samsung, Toshiba, General Electric, ma in corsa ci sarebbe anche qualche conglomerata cinese. Negli ambienti finanziari, si scommette da tempo sull’ingresso in campo di qualche compratore asiatico. Proprio i gruppi di Pechino infatti potrebbero essere i maggiori interessati alla tecnologia biomedicale di Esaote in quanto le apparecchiature del gruppo genovese ben si adattano alla realtà degli ospedali cinesi, in particolar modo nelle province del Paese che necessitano di tecnologia all’avanguardia. Un mercato potenziale enorme per Esaote, che nel passato si è molto focalizzato sull’Italia e ha sofferto il taglio alla spesa sanitaria. In passato, si era parlato di un interessamento di Fosun per il dossier. L’azionista di riferimento di Esaote è attualmente il fondo d’investimento Ares Life Sciences del miliardario elvetico Ernesto Bertarelli con una quota di maggioranza, seguito da altri azionisti come Neuberger Berman, Mp Venture, Equinox oltre al manager Carlo Castellano. Tutti i soci sono legati da un patto di sindacato. Ares Life Sciences è entrato come azionista di riferimento nel capitale di Esaote nel 2009, mettendo sul piatto una cifra di 280 milioni di euro e nel 2014 la famiglia Bertarelli ha incrementato la propria partecipazione nella societa’ biomedicale al 48% del capitale (dal 39,8% che già deteneva) rilevando gran parte della quota di Carige. Con un fatturato consolidato di 270 milioni di euro (di cui il 70% proveniente dai mercati internazionali), un Mol di oltre 37 milioni, Esaote è leader nel settore delle apparecchiature biomedicali (in particolare, ecografia, ultrasuoni, risonanza magnetica dedicata e software di gestione del processo diagnostico). La valutazione del gruppo sarebbe attorno ai 400 milioni.